Programma

GamificationLab prevede la partecipazione degli studenti ai corsi, ai seminari e alle attività di laboratorio nel corso del secondo semestre di ogni anno accademico.

Le attività di ricerca e sviluppo prevedono la realizzazione pratica di progetti di gamification che saranno sviluppati nel corso di una serie di incontri settimanali della durata di circa 5 ore ciascuno. Durante gli stessi incontri gli studenti affronteranno teoricamente e praticamente i temi previsti dal piano didattico e dai singoli progetti di laboratorio.

Le attività didattiche del GamificationLab hanno l'obiettivo di ricondurre a uno schema unico e formalizzato la molteplicità di aspetti insiti nell'attività di progettazione e sviluppo di un gioco/simulazione e delle soluzioni di gamification sperimentando sul piano pratico la necessità di contemperare due anime distinte: il lato creativo e progettuale con quello tecnico-produttivo.

Il corso affronta lo studio delle simulazioni digitali, dei videogiochi e delle soluzioni di gamification in relazione a molteplici possibili impieghi pratici (entertainment, edutainment, addestramento, formazione, comunicazione, divulgazione, commercio, marketing, ecc.) e ha per obiettivo la formazione delle figure professionali destinate ad operare come progettisti e sviluppatori nell'industria dell'entertainment digitale e nei settori correlati.

Il corso include le seguenti aree disciplinari:

  • Analisi critica e storia del gioco (play);
  • Tipi e sistemi di gioco (meccaniche e tassonomia);
  • Struttura di un gioco (game), sistemi e modelli;
  • Progettazione della meccanica ludica (game design);
  • Progettazione dell'ambientazione, studio delle strutture narrative;
  • Strumenti della progettazione ludica; game sketch, game concept, game design document, design history;
  • Gestione delle componenti multimediali;
  • Conoscenze tecniche: risorse e strumenti di produzione, piattaforme di sviluppo e tecniche specifiche di programmazione;
  • Analisi della catena del valore: dal processo di sviluppo al mercato;
  • Strumenti di pianificazione e controllo;
  • Metodi di conduzione e analisi dei playtest.

Il corso prevede lo studio dello scenario di riferimento, sia endogeno (il sistema di gioco in sé) che esogeno (le funzioni, i destinatari, il mercato, le tecnologie produttive e di delivery) e viene completato da una panoramica delle tecniche di project management applicate all'industria videoludica.

Il corso è organizzato in tre parti:

  • la prima fornisce nozioni teoriche di "cultura ludica" e di "modellazione" di giochi e simulazioni;
  • la seconda affronta gli aspetti pratici della progettazione e degli strumenti impiegati nell'industria di settore. In questa sede saranno analizzati i cicli di produzione, le tecnologie di prototipazione e sviluppo, le piattaforme e il mercato di destinazione;
  • la terza parte si concentra sugli aspetti tecnici del design e della produzione analizzando le problematiche di analisi, progettazione e sviluppo del sw (nonché quelle collegate alla produzione e gestione delle risorse multimediali in ambiente 2d e 3d).

Il corso permette di padroneggiare gli strumenti e le tecniche relative ai diversi domini considerati includendo quelli formali (logici e matematici) che sottendono alla componente meccanica (modelli); quelli collegati alla componente evocativa, tipicamente multimediale, e quelli connessi alla componente tecnologica del prodotto (analisi e progettazione delle componenti software in funzione delle piattaforme di destinazione).

Al termine del corso, lo studente sarà in grado di realizzare un completo "Game Design Document" (il documento di progetto generale che prelude alla realizzazione pratica del prodotto o alla sua prototipazione) nonché di sviluppare un prototipo o prodotto.